Piazze

Plaza de Zocodover

Centro nevralgico della città e cuore pulsante della sua vita, è un punto di riferimento imprescindibile non solo per i turisti. Questa piazza è stata testimone di tutte le epoche e di tutti i popoli che fecero di questa città la propria. Se per i romani era uno spazio difensivo dell’unica via di accesso alla città rappresentata dall'Arco del Sangue, gli arabi la trasformarono in un "mercato di bestiame", che è poi .

Qui si sono celebrate corride di tori, esecuzioni durante l’Inquisizione, giostre e ogni genere di contese, fino a diventare oggi il vero cuore della capitale della comunità di Castiglia-La Mancia, costellata da caffè, ristoranti, negozi. Per tutto questo è una tappa imprescindibile per chi passa da Toledo.

Plaza de Santa Teresa de Jesús

Nascosta tra le mura che portano al paseo del Recaredo e a due passi dalla porta del Cambrón, si apre un piccolo spazio decorato con giardini, dominato dalla statua di Santa Teresa del Gesù, adiacente a un antico edificio residenziale e al Convento di San Giuseppe, della metà del Cinquecento, ancora oggi abitato da alcune suore dell'ordine delle carmelitane scalze di cui la santa è fondatrice.

Plaza de Santa Clara

Situata nell'anticamera delle dipendenze di San Domenico il Reale e Santa Chiara, in questa piazza si trova il monastero omonimo, contraddistinto da un portico colonnato, insieme all'antico palazzo del Marchese di Malpica, tipica costruzione del rinascimento toledano che conserva ancora oggi la sua torre-belvedere, e che oggi ospita la sede amministrativa del Ministero dello Sviluppo.

Plaza de Santa Isabel

A due passi dalla plaza del Ayuntamiento si trova questo incantevole scorcio di Toledo, che ospita la chiesa mozarabica di San Antolín e la facciata gotica del Convento di Santa Isabella dei Re, costruito nel 1477 da due distinti edifici del XIV secolo entrambi in stile mudéjar. Il convento conserva al suo interno numerosi esempi di arte civile mudéjar.

Plaza del Pozo Amargo

Dalla porta dei Leoni della Cattedrale o dal Municipio è possibile raggiungere questa piazzetta in cui si trova un antico pozzo che dà il nome all'intera piazza (in spagnolo pozo amargo, significa "pozzo amaro"). Il pozzo è teatro di una delle più celebri leggende della città di Toledo, secondo dopo aver appreso la notizia che il padre aveva ucciso il suo innamorato cristiano, una giovane ragazza ebrea piangendo rese amara l’acqua con le sue lacrime.

Plaza de San Cipriano

La parte più alta di questa piazza regala incantevoli viste sui tetti del centro storico della Chiesa di San Cipriano, le cui origini risalgono al XII secolo, benché dell'epoca medievale oggi si conservi solo la torre, mentre il resto delle della chiesa fu completamente ricostruita nel Seicento.

Plaza de las Capuchinas

In questa piazza si trova il Convento dell'Immacolata Concezione, da cui alle 3 di mattina del venerdì santo esce l'impressionante statua del Cristo del Trapasso (in spagnolo, Cristo de la Expiración), dando via a quella che è nota come la Processione del silenzio. Lontana dal traffico grazie all'accesso scalinato, è una piccola e accogliente piazzetta, ideale per fare una sosta e contemplare il paesaggio circostante.

Plaza de Santo Domingo el Real

Dedicata al celebre poeta spagnolo Gustavo Adolfo Bécquer e scenografia di numerosi film del regista Luis Buñuel, questa piazza ospita il cinquecentesco Convento di San Domenico Il Reale, il cui portico rinascimentale con quattro colonne slanciate è attualmente coperto dalle impalcature di un restauro mirato a migliorarne lo stato di conservazione.

Plaza de Barrio Nuevo

Si dice che qui si svolgeva l'antico mercato ebraico. Questa piazza dall'aspetto moderno situato nel quartiere ebraico prese il suo attuale nome dopo la cacciata degli ebrei dalla Spagna. Un angolo perfetto per una sosta sulle panchine di pietra di questa piazza, lungo il percorso alla scoperta dei numerosi monumenti e degli incantevoli scorci che si celano nel quartiere ebraico.

Plaza del Padre Juan de Mariana

Questa piazza ospita un piccolo parco, con la Chiesa di San Ildefonso ai piedi, callejón de Orates, una delle strade più strette della città a un lato e alle cui spalle staglia il cielo la sommità della torre della Cattedrale.

Plaza de San Vicente

Giungendo da calle Alfileritos in direzione della Cattedrale, attigua al palazzo di Lorenzana oggi sede universitaria, si apre una piazza che deve il suo nome dalla chiesa mudéjar di San Vincenzo, costruita in omaggio alla Riconquista di Toledo avvenuta il 25 maggio 1085. Spicca l'abside, che è noto tra i toledani come il "la gabbia di San Vincenzo" (in spagnolo cubillo de San Vicente).

Este sitio usa cookies de navegación, que recogen información genérica y anónima, siendo el objetivo último mejorar el funcionamiento de la web. Si continuas navegando, consideramos que aceptas el uso de cookies. Más información sobre las cookies y su uso en POLITICA DE COOKIES