Chiesa di Santo Tomé

Questa è la chiesa parrocchiale più visitata di tutta Toledo per il tesoro che qui è custodito, "La sepoltura del conte di Orgaz", una delle opere maestre della pittura mondiale di tutti i tempi, che decora la tomba del suo protagonista dell'opera.

La chiesa, realizzata subito dopo la conquista della città da parte di Alfonso VI, fu eretta sul luogo in cui sorgeva una moschea e fu, in seguito, completamente ricostruita nel XIV secolo proprio dal Conte di Orgaz, Don Gonzalo Ruiz di Toledo. Malgrado ciò, alcuni capitelli di origini visigote suggeriscono la possibile presenza di un complesso precedente. Quasi nulla rimane di tale intervento, cancellato dalle modifiche intervenute nel corso dei secoli, riflesso delle tendenze artistiche che si andarono via via alternando nei secoli.

Le tre navate con transetto sono state coperte da volte a botte nel corso del Rinascimento, mentre l'abside è a pianta poligonale.

Ricorda molto quella della chiesa di San Romano, la torre in stile mudéjar, immancabilmente a pianta quadrata, con due ordini di arcate doppie, intervallati da una fila di piccoli archi ciechi tra di loro, separati - caso unico in tutta la città – da colonnine in ceramica di Talavera della Regina.

Este sitio usa cookies de navegación, que recogen información genérica y anónima, siendo el objetivo último mejorar el funcionamiento de la web. Si continuas navegando, consideramos que aceptas el uso de cookies. Más información sobre las cookies y su uso en POLITICA DE COOKIES