Chiesa di San Bartolomeo

L'attuale edificio è il frutto di una serie di modifiche e stili diversi, in cui spicca l’abside mudéjar del Duecento, decorato con tre distinti ordini di arcate cieche in mattoni. Quando nel secolo successivo venne triplicata la navata unica originale, furono aggiunti anche i due absidi laterali lineari.

Successivamente furono integrate delle cappelle gotiche, quella di Santa Caterina, di Nicolás de Vergara "il Giovane" (el Mozo in spagnolo) nel Cinquecento e quella di Loreto, opera di Jorge Manuel, figlio di El Greco, nel Seicento. La chiesa è stata restaurata nel secolo scorso. Si tratta di una delle prime chiese parrocchiali fondate dopo la Riconquista, della cui presenza si hanno tracce documentali sin dal XII secolo.

La torre sfrutta la struttura di un minareto mussulmano, esattamente come nella chiesa di Santiago, sulle cui pareti sono stati riutilizzate figure visigote, seppur in quantità minore rispetto alla torre della chiesa del San Salvatore.

Este sitio usa cookies de navegación, que recogen información genérica y anónima, siendo el objetivo último mejorar el funcionamiento de la web. Si continuas navegando, consideramos que aceptas el uso de cookies. Más información sobre las cookies y su uso en POLITICA DE COOKIES